martedì 3 ottobre 2017

Considerazione serale,

Considerazione serale, 

spesso si pensa che chi scende (o sale?) in politica lo faccia per altruismo applicando le proprie capacità, ma nel 99% dei casi lo solo per ricerca di privilegi senza avere la benchè minima capacità, e dell'amministrazione pubblica poco gli importa. 

Ecco allora che il cittadino consapevole prima si informa, poi lo controlla, gli sta con il fiato sul collo, gli rompe le uova nel paniere, lo incalza e dimostra al popolaccio che quel politico nulla vale.

uso una brutta parola, popolaccio, ma quello italiano tale è. 

E' il popolaccio che fertilizza e annaffia il terreno su cui nasce la malapolitica, un popolaccio becero, ignorante, che è il vero nemico del vivere civile. 

Ed allora oltre che stare con il fiato sul collo al politico, che risulta essere la parte più facile del meccanismo, bisogna stare molto attenti agli sbalzi di umore del popolaccio.

Il popolaccio è incapace di risolvere i grandi problemi che affliggono le nazioni in ogni era, ed allora si affidano ciecamente al primo che propone la soluzione più semplice. 

E come scrisse Gustave Le Bon, nulla conta la cultura del singolo all'interno della massa, perchè in una massa becera anche il più colto viene trascinato, oppure travolto.

Fine della considerazione serale.

Nessun commento:

Posta un commento