venerdì 6 settembre 2013

PENSIERI DI VOLONTARI


scorci di viterbo
scorci di viterbo
Riportiamo un post pubblicato dalla pagina facebook che concludeva l’interazione fra alcuni utenti del social network, relativamente alla possibilità o meno, nelle scuole, di giornate educative a cura dei volontari di Viterbo Civica.  
Tacciare di  strumentalizzazione politica il gruppo è un grave errore. Ripetiamo, che la politica non entra in questo gruppo. Se dovesse farlo lo farà solo per unire forze e correnti per attività da svolgere tutti insieme. Magari anche per un caffè o una pizza.
Questo è il testo, di una nostra volontaria in risposta all’idea della strumentalizzazione politica che ben riassume i principi e le motivazioni che ci spingono a fare cose.
“La proposta di Viterbo Civica di fare delle giornate educative nelle scuole, non è una strumentalizzazione politica, per fortuna la campagna elettorale è finita e non dobbiamo raccattare voti. Si tratta di un’opera di sensibilizzazione, non vogliamo neanche sostituirci al lavoro degli insegnanti ma semplicemente collaborare al loro fianco. La parte teorica spetta a loro, l’esempio pratico e ludico vorremmo affrontarlo noi come associazione. L’educazione civica parte dalle famiglie, ma che anche la scuola ha un ruolo decisivo nell’educare le generazioni future a rispettare l’ambiente. 
Sinceramente mi spiace quest’attacco, perché penso che certe battaglie ci riguardino tutti come cittadini, ciò che noi stiamo facendo come Viterbo Civica avreste dovuto farlo voi come partito all’interno di una maggioranza. Stamattina su Tusciaweb ho letto della fontana di piazza delle Erbe che sta sprofondando, siamo stati noi a segnalare la cosa alla stampa, ma più di tanto non possiamo fare perché non ne abbiamo i mezzi.  Invece voi, che avete rappresentanti all’interno dell’amministrazione comunale, dovreste battervi come leoni per far chiudere il traffico in quella piazza, per impedire il parcheggio serale dei Suv ma anche quello dei furgoni la mattina.

Avrei in mente questo tipo di collaborazione tra noi.
Sinceramente sono anche stufa di leggere che Lucio (il presidente) avrebbe un secondo fine in quello che sta facendo, non credo e sono tutt’altro che ingenua, anzi ho perfettamente chiaro il quadro di ogni situazione. Lucio non ha intenzione di fare politica e comunque sarebbe prematuro e stupido parlarne cinque anni prima. E sai perché ho questa convinzione, perché purtroppo recentemente ho avuto la dimostrazione che la politica è fatta di alleanze e compromessi, di troppi rospi da ingoiare. Conoscendo Lucio non credo che sarebbe capace di questo, troppo diretto e impulsivo per accettare compromessi.
Poi se mi stessi sbagliando e lui ha davvero ambizioni politiche nascoste nel cassetto, vorrà dire che al momento opportuno mi farò da parte ( e come me tantissime persone che sono stanche della politica che cambia le facce, ma resta sostanzialmente uguale a se stessa).

Intanto però NOI facciamo cose.
E se un giorno anche Lucio dovesse cavalcare l’onda per avere un posto di rilievo, sarà libero di farlo come l’hanno fatto tanti altri, dal mio punto di vista preferirei mille volte un sindaco che mette le mani nella “merda” ad uno che fa finta di non vederla.
Aggiungo un’ultima cosa, il giorno della fiera mi ha sorpreso il numero di persone venute spontaneamente a fare la tessera della nostra associazione, mi ha sorpreso come ci indicassero i luoghi dove intervenire, hanno più fiducia in noi, che ci sporchiamo letteralmente le mani, piuttosto che nelle istituzioni.

E questo dovrebbe farvi riflettere. “

Nessun commento:

Posta un commento